LOTTA BIOLOGICA E RIMEDI NATURALI

 La lotta biologica, condotta mediante insetti antagonisti, è purtroppo di scarsa applicazione nelle piccole serre amatoriali, in conseguenza delle difficoltà che s'incontrano nello stabilire il corretto equilibrio fra insetto predatore e preda, le competenze richieste, la esatta identificazione dell’insetto nocivo ed infine i costi. Nelle grandi serre, nelle collezioni importanti, e nei giardini botanici la lotta biologica può invece trovare una proficua applicazione nell’ambito della lotta integrata, facente uso di una serie di tecniche diversificate quali l’igiene, la protezione fitosanitaria, il monitoraggio dell’ambiente, la lotta chimica ragionata ed altre ancora. Utile può risultare l’Indice Fitosanitario pubblicato dall’A.C.T.A.
Contro le Cocciniglie di tipo farinoso si procede al lancio della coccinella Cryptolaemus monstrouzieri, in combinazione con Leptomastix dactylopii, Kaladiplosis floridiana, Anagyrus sp. oppure del genere Nephus riunion, Scymmus (utile anche contro gli afidi). Nelle grandi serre la lotta si conduce con gli insetti antagonisti, quali Allothrombium fuliginosum, Rodolia cardinale, Chilocorus bipustulatus.
Le Cocciniglie del genere diapsis  (Diapsis echinocacti cocciniglia gialla delle cactacee) si contrastano mediante il lancio di predatori, quali Aspidiotus nerii.
A tutt'oggi non vi sono predatori tipici per le cocciniglie radicali.
Gli Afidi del genere Aphis gossypii e nerii, vengono attaccati dagli imenotteri Aphelinus abdominalis e Lysiphlebus testaceipes.
Le larve dei Tripidi si combattono mediante l’acaro Neoseiulus cucumeris, che però risulta sensibile al calore estivo.
Il ragnetto rosso (Tetranychus urticale) si combatte mediante gli acari predatori Phytoseiulus persimilis, che però ha un tempo di risposta lento, e Amblyseius californicus, piuttosto sensibile alla basse temperature invernali.

Di più facile applicazione a livello amatoriale, sono invece i seguenti rimedi naturali.
Contro le formiche, che nutrendosi di melata favoriscono la proliferazione di acari, cocciniglie, afidi, la lotta si conduce mediante la preparazione di esche, a base di miele additivato con avermectine, un insetticida naturale che non turba l'ambiente, non presenta rischi e non lascia residui.
Contro afidi e acari  si usano i saponi potassici, come quello di Marsiglia (50 gr. in 1 lt. d'acqua a pH neutro). Nicotina: si fanno macerare e successivamente filtrare, alcune cicche di sigarette al fine di ottenere una soluzione simile al the. Aglio: si fa bollire una testa, fino allo spappolamento, in 500 cc. d'acqua, poi si filtra.
Contro cocciniglie e metcalfa lo stesso sapone di Marsiglia (50 gr. sciolto in 100 di cc. d'acqua), con aggiunta di 900 cc. di alcool denaturato. Contro aleurodidi, ragnetto rosso, afidi, tripidi si usa Naturalis, un bioinsetticida costituito dal fungo Bauveria bassiana, da spalmare sulle superfici da trattare. Agisce disidratando l'insetto così da condurlo a morte. Il prodotto si trova in commercio in una sospensione d'olio, è innocuo per l'uomo e per l'ambiente, non danneggia gli insetti pronubi, non lascia residui sulla vegetazione e non ha tempi di carenza.

Ai seguenti prodotti è riconosciuta una proprietà antisettica, a volte antibatterica e antimicotica, soprattutto a livello preventivo.
Equiseto: anticrittogamico utile per combattere le malattie da funghi (ruggini, ticchiolatura, antracnosi),  in grado di stimolare l’attività biologica delle piante. Preparazione: Si fa macerare per 2-3 giorni una cucchiaiata di prodotto in un litro d'acqua, quindi si fa bollire per una ventina di minuti, poi si filtra. Uso: diluirlo nelle proporzioni di 1 a 3 prima di bagnare la pianta.
Estratto di propoli: trattasi di un antibiotico naturale, in grado di prevenire muffe e batteri, con proprietà disinfettanti e cicatrizzanti delle ferite. Preparazione: 50 gocce  in un litro d'acqua, da applicare su tagli, innesti, ferite e per bagnare il substrato di semina. Spesso si aggiunge la lecitina di soia (un cucchiaio in un litro d'acqua).
Estratto di pompelmo: utile contro funghi, batteri, virus, marciumi del colletto. Preparazione: 30 gocce in un litro d'acqua, con l'aggiunta di 10 gocce/lt di olio essenziale di cipresso, e di 30 gocce/lt di estratto idroalcolico di propoli.
Oli essenziali: posseggono proprietà antisettiche, soprattutto quelli di timo, cipresso e pino. Uso: trattasi di insetticidi non aggressivi, efficaci contro le uova di cocciniglie, aleurodidi, acari e insetti in genere. Preparazione: 15 grammi in un litro d'acqua, con aggiunta di un cucchiaino di sapone di Marsiglia.
Bicarbonato di sodio: esplica un'azione contro i funghi. Preparazione: un cucchiaino da caffé in un litro d'acqua, con aggiunta di un olio essenziale.
Silicato di sodio: è un insetticida, acaricida, fungicida, usato contro cocciniglie, afidi, acari, peronospera, oidio. Agisce per disidratazione delle cellule del parassita. E’ in vendita una soluzione acquosa di tetrasilicato di sodio al 38-40° Be. Dosi: in inverno gr 30/lt. d’acqua, in vegetazione gr. 10/lt d’acqua.
Quassia amara: è un insetticida-aficida, ad azione repellente, con caratteristiche simili al piretro, ma innocuo per l’uomo, gli animali domestici e gli insetti pronubi. Combatte afidi, tentredine, psylla, carpocapsa, cydia, tignola. E’ in vendita una soluzione acquosa al 15%, della quale se ne usano 7 gr./lt. d’acqua.
Azadiractina: insetticida-repellente, in grado di inibire lo sviluppo degli insetti, di riequilibrare la microflora del suolo e di esplicare un’azione nematocida. E’ in vendita una soluzione acquosa di Azadirachta indica al 15%, da irrorare in vegetazione nella misura di 10 gr./lt., con aggiunta di 7 gr. di Silicato di sodio.
Ortica: insetticida-fitostimolante con un elevato contenuto di acido formico, salicilico, ferro e oligoelementi. Svolge azione repellente contro insetti e acari. E’ in vendita una soluzione acquosa di Urtica dioica e Urtica urens al 15%, da usare in vegetazione nella misura di 7 gr./lt. d’acqua, con aggiunta di un cucchiaino di sapone di Marsiglia.
Artemisia: biorepellente contro insetti terricoli e formiche. Si usa spolverando una volta al mese il colletto delle piante.
Solfato di rame: anticrittogamico con azione fungicida, utile per combattere alternariosi, cladosporiosi, cancri, ticchiolatua, peronospera, corineo. Si usa in autunno-inverno nella dose di 15 gr./lt d’acqua.

fonte
http://www.cactusedintorni.com/fr/antiparasitaire.html


Fungicida all’aglio L’aglio possiede ottime capacità contro le malattie fungine. Diversi studi scientifici hanno comprovato la sua efficacia contro la proliferazione di funghi nelle coltivazioni.
Ecco come realizzare una miscela fungicida. Schiacciate quattro teste d’aglio e fatele bollire con mezza tazza di bicarbonato in 4 litri d’acqua. Lasciate raffreddare a temperatura ambiente e successivamente, utilizzando un annaffiatoio bagnate lentamente il terreno intorno alle piante infette così che il preparato possa penetrare in profondità.
Naturalmente, l'aglio non è la bacchetta magica contro tutti i funghi: alcuni saranno molto più difficili da debellare.
Insomma, l’aglio non è buono solo per tenere lontano i vampiri o per dare più gusto ai nostri piatti preferiti: è un’impareggiabile alleato nella lotta ai funghi e ai parassiti del giardino.
                                                                                                        Lorenzo De Ritis